Parliamone insieme

127

A proposito del condono che quasi sicuramente questo governo varerà, penso che sia una cosa tragica e penosa. Invece di intervenire sui danni causati in passato e mettere dei vincoli maggiori alla tesi «faccio come voglio» si dà addirittura un premio e si invita a fare di peggio. Non vorrei pensare che l’unico rimedio sia in qualche cataclisma che rimetta tutto come prima!!! Sono veramente dispiaciuto, a quando il ns territorio sarà rispettato nell’interesse di tutti oggi e domani?
(Franco da Agrate)

***

È il solito problema legato all’italianità, ovvero la regola del più furbo. Dispiace veramente che questa nostra nazione non riesca a progredire nello sviluppo culturale e a prendere decisamente una linea retta al passo con le nazioni più avanzate. Queste iniziative e questi comportamenti frenano la nostra marcia e abbassano la credibilità. Ma come è possibile che politici accorti non sappiano fare i conti costi/benefici?
(Michele da Lucca)

***

Niente di nuovo e fallimento totale… Dovremmo tornare a «La fantasia al potere, una risata vi spazzerà via»…
Ciao !
(Un Indiano Metropolitano)

***

Il mio contributo al dibattito si limita ad una citazione dal film «I cento passi» di Marco Tullio Giordana.
(Luca da Pisa)

«Sai cosa penso? Che questo aeroporto in fondo non è brutto, anzi… visto così dall’alto. Uno sale qua sopra e potrebbe anche pensare che la natura vince sempre, che è ancora più forte dell’uomo. E invece non è così. In fondo tutte le cose, anche le peggiori, una volta fatte poi si trovano una logica, una giustificazione per il solo fatto di esistere. Fanno ?ste case schifose con le finestre in alluminio, i muri di mattoni vivi, mi stai seguendo? I balconcini. La gente ci va ad abitare e ci mette le tendine, i gerani, la televisione e dopo un po’ tutto fa parte del paesaggio: c’è, esiste. Nessuno si ricorda più di com’era prima. Non ci vuole niente a distruggere la bellezza… E allora? Allora invece della lotta politica, la coscienza di classe, tutte le manifestazioni… bisognerebbe ricordare alla gente che cos’è la bellezza, aiutarla a riconoscerla, a difenderla, la bellezza… È importante la bellezza, da quella scende tutto il resto».

***