«The real dirt on farmer John» di Taggart Siegel (USA, 2005, 75’, colore)

70

Con la morte del padre negli ultimi anni Sessanta, John trasforma la tradizionale fattoria di famiglia in un esperimento di arte e agricoltura, facendone un paradiso per hippies, radicali e artisti. Negli anni Ottanta attraversa una crisi economica che porta al tragico collasso della fattoria. Durante i Novanta, mentre l'intricata trama dell'America rurale si sbroglia, […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.