La Lince Appenninica, svelato il mistero del gattopardo?

692

Francesco Mossolin, Guerra Edizioni

È in uscita il libro su «La Lince Appenninica, svelato il mistero del gattopardo?»; la più importante monografia mai pubblicata sul mitico felino in Italia.Un’ampia introduzione sulla biologia del felino, esaustivi dati storici, note divulgative e approfondimenti, uniti a una sorprendente documentazione fotografica, fanno di questo volume la più completa e affascinante monografia italiana mai pubblicata sulla Lince.

Un racconto avvincente guida il lettore a scoprire il vero volto della Lince, descrivendone caratteristiche e abitudini, e tracciando una mappa dettagliata della sua presenza attuale in Europa. In modo semplice ma rigoroso, verrà offerta la possibilità di conoscere approfonditamente questo importante felino,

un predatore che ancora oggi si aggira in molte parti del nostro territorio nazionale. Con splendide immagini, citazioni e documenti scientifici, attraverso un lungo e appassionante viaggio nella storia naturale d’Italia, verrà svelato al lettore quanto sia radicata, anche negli ultimi secoli, la presenza in

Appennino del «Gattopardo». Si Scoprirà inoltre che riguardo al magnifico felino i pareri sono da sempre contrastanti: c’è chi ne smentisce la presenza e chi la conferma, in un rebus intricato che finora nessuno ha saputo risolvere. Non a caso molti studiosi lo considerano il più importante caso criptozoologico italiano.

Dopo l’approfondita introduzione sulla biologia e sulle abitudini del predatore segue da un’interessantissima documentazione storica in cui, dal medioevo al XX secolo, vengono esaminati documenti, citazioni, immagini, di importanti studiosi dell’epoca. Seguito poi dall’analisi dei dati degli ultimi 50 anni, in cui si cerca di comprendere l’origine degli animali attualmente presenti sulle montagne dell’Appennino, e infine si svilupperà la teoria più affascinante, sostenuta da significative argomentazioni scientifiche, ossia l’ipotesi che questi individui appartengano ad una sottospecie diversa da quella euroasiatica!

Nella parte finale sono suggerite le possibili strategie per la salvaguardia e la protezione di questo nostro magnifico predatore, la Lince appenninica.

Il linguaggio semplice e chiaro, l’approfondimento di molti aspetti singolari del predatore, una sorprendente documentazione fotografica, rendono quest’opera facilmente accessibile ad ogni tipo di pubblico, dal curioso che vuole migliorare le proprie conoscenze nel ambito naturalistico, agli esperti e agli specialisti del settore.

Il libro è disponibile in ogni libreria, se non presente può essere ordinato, sia attraverso il vostro libraio di fiducia sia attraverso il sito di Guerra Edizioni.

Il libro verrà presentato venerdì 13 alla manifestazione di «Umbrialibri», a Perugia al Centro servizi camerali «Galeazzo Alessi» in via Mazzini 11.

Francesco Mossolin: (1984) è un agronomo «Esperto ambientale forestale», laureato in «Tutela e gestione della fauna selvatica». Da sempre interessato alla dimensione ecosostenibile dello sviluppo, attribuisce grande importanza al recupero del rapporto Uomo-Natura, in una prospettiva che assicuri un’evoluzione individuale e collettiva improntata all’equità e all’armonia. In tale contesto si inseriscono anche il suo interesse e impegno per la diffusione dell’Agricoltura naturale (è un cultore del metodo di Masanobu Fukuoka), per la riscoperta di varietà antiche tradizionali di alberi da frutto, ortaggi e cereali, e per l’adozione di metodi di guarigione alternativi, anche attraverso l’uso di piante medicinali ed essenze officinali. È membro del Comitato parchi ed è segretario del Gruppo lince Italia.

(Francesco Mossolin)