Il nuovo «Terzo mondo»

195

Per l'attuazione di un tale progetto il primo passo consiste nel chiedersi di che cosa hanno bisogno gli abitanti del nuovo «Terzo mondo», che chiamiamo «arretrati» rispetto ai nostri standard merceologici. Probabilmente la maggior parte delle merci e dei beni materiali fabbricati e usati da noi sono inutilizzabili nei paesi del Terzo mondo: le automobili […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.