Tempo di FastTime

219

Quella mattina Genno si svegliò con un odore di mare nelle narici. Aveva sognato un suo antico desiderio: distendersi sulla riva d'una sconfinata spiaggia polinesiana, in un'isoletta remota dimenticata da dio e dal mondo, dalla crisi ancora in atto e da Internet. Per qualche minuto i dettagli del sogno (particolarmente realistico, ma che non doveva […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.