La tecnica come violenza

426

«Tecnica e cultura» (per me il libro più bello della trilogia) è stato scritto dopo la fragile avventura del boom economico americano dei ruggenti anni Venti del Novecento, in quel 1934 che vedeva da una parte l'ascesa al potere dei fascismi in Italia e in Germania, e dall'altra parte la primavera del «New Deal» rooseveltiano […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.