Nuova associazione per i pneumatici usati

106

Un’unica Associazione nel settore del recupero della gomma e dei pneumatici fuori uso (Pfu) in grado di sostenere un dialogo costruttivo con il sistema di gestione dei Pfu

È nata a Rimini, nel corso della fiera Ecomondo, un’unica Associazione nel settore del recupero della gomma e dei pneumatici fuori uso (Pfu) in grado di sostenere un dialogo costruttivo con il sistema di gestione dei Pfu che sta per vedere la luce e che sarà gestito da produttori e importatori di pneumatici nuovi.
L’accordo è stato siglato da Unire (Unione imprese del recupero di Confindustria e Assorigom), Associazione nazionale raccolta, riciclo e riutilizzo della gomma,l’Associazione nazionale di settore si chiamerà Unirigom.

Nel 2009 sono stati generati circa 325.000 tonnellate di pneumatici fuori uso (Pfu). Tale dato, se confrontato con la quantità media di Pfu generati nell’ultimo decennio, pari cioè a 350.000 tonnellate/anno, conferma la flessione dei mercati dovuta al periodo di crisi economica che ha coinvolto anche l’Italia.

 

I pneumatici usati avviati alla ricostruzione (non conteggiati nelle elaborazioni statistiche dei rifiuti in quanto esulano dalla loro gestione) sono stimati nel 2009 pari a circa 40.000 tonnellate. La flessione dei mercati globali ha portato anche nel 2009 alla riduzione del trasporto su gomma ed alla conseguente diminuzione del numero di pneumatici sottoposti a ricostruzione.

 

L’elaborazione dei dati ottenuti da Istat, Federazione Gomma e Plastica e dalle interviste agli operatori evidenzia una corretta allocazione solo per il 74% dei Pfu generati ogni anno in Italia (compresi i flussi che vanno all’estero sotto diverse forme).

Il restante 26% viene, in parte, abbandonato illegalmente sul territorio o destinato a forme di «smaltimento» non autorizzate e in parte esula i controlli e gli strumenti di tracciabilità incanalandosi in una rete capillare di destinazioni non sempre autorizzate né ambientalmente compatibili.

 

Tra le recenti sperimentazioni di nuovi utilizzi dei Pfu vanno ricordati: i risultati positivi di quanto realizzato dalla Provincia Autonoma di Bolzano per l’impiego di asfalti «gommati» prodotti con tecnologia «wet», che ha portato all’inserimento di questa tecnologia tra quelle contemplate nei capitolati d’appalto per i lavori stradali in Provincia di Bolzano; il crescente interesse delle pubbliche amministrazioni verso le «pavimentazioni silenti» ovvero le pavimentazioni stradali realizzate con asfalti appositamente ingegnerizzati per ridurre il rumore generato dal traffico veicolare; infine, le possibilità di sinergia con il settore edile (es. pannelli isolanti multistrato realizzati con Pfu e altri materiali di recupero ect.).