Coscienza e responsabilità

205

Conviene, allora, non aspettare tempi migliori che, se ci saranno, potranno essere assicurati ad un numero sempre minore di cittadini del mondo e comunque proporzionati alle risorse ancora disponibili. Dobbiamo, interrogare le nostre coscienze (quelle neurologicamente libere dalle suggestioni deterministiche di un ordine assoluto) e, invece di sperare nelle loro improbabili verità biochimiche terminali, confrontare […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.