Sporchi da morire Day

110

Proiezione del Film Documentario sul tema degli inceneritori, nanoparticelle, rischi per la salute e possibili alternative sostenibili

A Napoli il 5 dicembre al Cinema Modernissimo (Via Cisterna dell’Olio, 59) alle 20,30 Conferenza stampa pubblica alla presenza dei rappresentanti istituzionali del Comune di Napoli, l’autore del film Marco Carlucci, il prof. Stefano Montanari, il prof. Paul Connett, dott.ssa Antonietta Morena Gatti, Carlo A. Martigli, e tanti altri protagonisti del film. Alle 21 ci sarà la proiezione del film.

Invece la presentazione a Roma sarà il 12 dicembre presso il Nuovo Cinema Aquila (Via L’Aquila, 68) alle 18 e proiezione del film. Seguirà dibattito con la stampa ed il pubblico, l’ingresso è libero.

Il film, «Sporchi da morire» nasce da alcune domande: è vero che gli inceneritori fanno male? Perché in Italia si continuano a costruire questi impianti mentre nel resto del mondo si stanno smantellando? Quali sono i rischi concreti per la salute? Quali sono i danni provocati dalle nano-particelle emesse dagli inceneritori? Quali sono le possibili alternative? Con queste domande in testa comincia la ricerca di Carlo A. Martigli, scrittore e giornalista impegnato da sempre in inchieste scottanti. Il film documenta le sue ricerche su internet che come in un romanzo, improvvisamente diventano reali.
Interviste, filmati, esclusivi reportage in giro per il mondo, tra l’Italia, gli Stati Uniti, la Francia, l’Inghilterra e l’Austria che faranno riflettere su un problema indicato da molti esperti come «invisibile inquinamento del nuovo millennio» che riguarderà i nostri figli e le future generazioni.

Sporchi da morire è un progetto italiano molto ambizioso e di ampio respiro internazionale grazie al coinvolgimento di esperti mondiali: il professor Paul Connett, teorico della strategia «Zero Rifiuti», il dott. Stefano Montanari e la dott.ssa Antonietta Gatti, esperti e scopritori delle nano-particelle; la dott.ssa Patrizia Gentilini, oncologa e membro dell’Associazione Medici per l’Ambiente, il biologo prof. Gianni Tamino, dott. Valerio Gennaro medico oncologo epidemiologo Isde Italia, il dott. Federico Valerio Responsabile Chimica Ambientale Ist di Genova, i sindaci delle città virtuose della Silicon Valley, Palo Alto, Barkeley, il sindaco di San Franciso Gavin Newson, il responsabile del Dipartimento Ambiente di San Franciso Jared Blumenfeld, i rappresentanti dell’Invs Francese, dott. Calut e dott. Laffont che sono i firmatari della più importante ricerca mondiale sul tema della pericolosità dell’incenerimento dei rifiuti; il prof. Dick Van Steenis che ha mappato la ricaduta dell’inquinamento sui bambini inglesi e bloccato 16 progetti in costruzione,il dott. Luft,l’Associazione Rescue Workers Detoxification e la 911 Police Aid Foundation che si occupano delle persone ammalatesi per le inalazioni di nano-polveri dopo il crollo delle torri gemelle (circa 170.000 casi già accertati), i rappresentanti dei comitati nazionali ed internazionali, Padre Alex Zanotelli, Maurizio Pallante del Movimento Decrescita Felice, Greenpeace Italia, e tanti altri. Un film-progetto al quale hanno già aderito migliaia di persone in tutto il mondo tanto da certificarlo come il film con i titoli di coda più lunghi del mondo i quali saranno presenti, grazie ad un piccolo contatore grafico fin dai primi minuti del film.

(Fonte Primafilm)

Scheda film:
Sporchi da Morire – FIlthy to the core
Durata: 93 minuti circa
Regia: Marco Carlucci
con: Paul Connett – Stefano Montanari – Carlo A. Martigli
Web: www.sporchidamorire.com
Facebook: sporchidamorire
email: info@primafilm.it
Uscita: Marzo 2012.