Nati d’uomo e di coma

203

Finora hanno cercato di incastrarlo in tutti i modi ma non ci sono ancora riusciti e lui, l'ormai celebre dottor Imre Liktor, medico ungherese trapiantato in Italia, fin dall'inizio del procedimento legale a suo carico si è dichiarato certo che non potranno mai dimostrare una sua colpevolezza. L'hanno sbattuto in galera, ma Imre non è […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.