L’agricoltura sempre più sotto il giogo energetico

160

La relazione suggerisce che il commercio di biocarburanti si espanderà in modo significativo, guidato da diverse politiche dei paesi produttori e consumatori. Ad oggi,le politiche sui biocarburanti dell’Ue continuano a minacciare la sicurezza alimentare,soprattutto in Africa

L’Organizzazione dell’Onu per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao) e l’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (Ocse) hanno rilasciato un nuovo documento sulle prospettive agricole per il periodo 2012-2021, prevedendo l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari a causa di una produzione stabile e della domanda crescente.

Il documento indica che a contribuire a questa domanda siano la spinta alla produzione di biocarburanti, così come i cambiamenti delle abitudini alimentari e la migrazione urbana nei Paesi in via di sviluppo.

Il rapporto evidenzia alcune preoccupazioni circa la gestione dei terreni agricoli e la sicurezza dell’acqua dovuta alla degradazione, insieme all’impatto di eventi meteorologici estremi e modelli di cambiamento climatico.

Esso sottolinea una serie di interventi per promuovere lo sviluppo sostenibile del settore agricolo attraverso il rafforzamento dei contesti normativi, migliori sistemi per l’innovazione agricola, un clima imprenditoriale favorevole, e piani di investimento nazionali.

Il rapporto dedica un capitolo ai biocarburanti e valuta in particolare la politica dei biocarburanti negli Stati Uniti. Si prevede che la produzione di etanolo e biocarburanti si espanderà a un ritmo più lento rispetto agli ultimi anni, e che la produzione in molti Paesi in via di sviluppo rimarrà al di sotto dei livelli previsti.

La relazione suggerisce inoltre che il commercio di biocarburanti si espanderà in modo significativo, guidato da diverse politiche dei paesi produttori e consumatori.

Ad oggi,le politiche sui biocarburanti dell’Ue continuano a minacciare la sicurezza alimentare,soprattutto in Africa.

Si risalta inoltre come i vincoli di risorse e pressioni ambientali saranno aggravati dai cambiamenti climatici e della volatilità, il che porrà sfide importanti per il settore agro-alimentare.

L’analisi viene conclusa sottolineando che l’agricoltura mondiale sarà sempre più legata ai mercati dell’energia.