Anche la Lituania dice no al nucleare

79
energia nucleare

Ha votato contro il 62% dei lituani. Ora il nuovo governo lituano dovrà adottare una strategia orientata alle rinnovabili e all’efficienza energetica tenendo conto della volontà espressa dai cittadini. Greenpeace chiede a Bielorussia, Polonia e Russia di seguire l’esempio lituano

Greenpeace si congratula con il 62% dei lituani per il loro no forte e chiaro al nuovo programma di sviluppo del nucleare, espresso nel referendum di ieri.

«È un segnale importante per l’intera regione perché il futuro sta nelle rinnovabili, ma è anche un segnale di vitalità della democrazia, considerato il clima di fango, propaganda e intimidazione che si è registrato nel paese negli ultimi mesi», afferma Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia.

Nelle scorse settimane, infatti, il governo lituano ha negato l’ingresso nel Paese a ospiti invitati a intervenire in Parlamento contro il nucleare. Chi critica il nucleare è stato apostrofato addirittura come «traditore» o «agente della Russia» e il Primo ministro uscente Andrius Kubilius non ha accolto l’invito di Greenpeace a una discussione più equilibrata.

Il nuovo governo lituano dovrà adottare ora una strategia orientata alle rinnovabili e all’efficienza energetica tenendo conto della volontà espressa dai cittadini.
Greenpeace chiede a Bielorussia, Polonia e Russia di seguire l’esempio lituano.

(Fonte Greenpeace)