«L’acciaio va prodotto senza riempire di diossina il territorio»

178
Paolo Ferrero, foto di Vito Stano

«L’azienda deve usare i profitti che ha fatto negli anni scorsi per applicare tutte le tecnologie che servono e fare tutti i lavori che servono per evitare che quello stabilimento continui ad inquinare il territorio e ad ammazzare la gente che ci lavora»

Dopo aver raccolto le dichiarazioni del ministro dell’Ambiente Corrado Clini a margine della prima edizione degli Stati Generali della Green Economy, sulla questione Ilva-inquinamento abbiamo sentito cosa ne pensa il già ministro del Welfare dell’ultimo governo Prodi e attuale segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero.

Segretario l’Ilva ha annunciato la decisione di chiedere da lunedì 19 novembre la cassa integrazione per 2mila operai degli stabilimenti di Taranto. Si parte col piede sbagliato?
L’Ilva non vuole spendere i soldi per fare quello che dovrebbe fare, cioè la riconversione ambientale del ciclo (di produzione, N.d.R.), mettere in sicurezza le cose, coprire quello che c’è da coprire e mettere le tecnologie che servono. L’Ilva sta ricattando i lavoratori perché cerca di non tirare fuori i soldi, noi diciamo che lì all’Ilva c’è una cosa molto semplice da fare: l’azienda deve usare i profitti che ha fatto negli anni scorsi per applicare tutte le tecnologie che servono e fare tutti i lavori che servono per evitare che quello stabilimento continui ad inquinare il territorio e ad ammazzare la gente che ci lavora, questo è quanto. Di acciaierie c’è ne sono ovunque e del resto l’acciaio serve. Quindi l’acciaio va prodotto senza riempire di diossina il territorio.

Il ministro dell’Ambiente Corrado Clini e il ministro della Salute Renato Balduzzi sembravano sorpresi del contenuto del «Rapporto Sentieri», quasi fosse la prima volta che certi dati venissero pubblicati. Lei crede che per certi errori madornali dovrebbero lasciare l’incarico che ricoprono?
Spero che siano degli errori, perché è evidente che il ministro dell’Ambiente (Clini, N.d.R.) ha nei fatti coperto l’Ilva per mesi, addirittura credo abbia denunciato chi tirava fuori i dati, che poi si sono rivelati essere i dati veri. Che l’Ilva inquinasse lo sapeva tutto l’universo e lo sapeva quindi anche il ministro dell’Ambiente. Il problema è che questo governo è effettivamente espressione dei poteri forti, quindi non tocca le banche, non tocca le imprese, non tocca le grandi multinazionali e difende i loro interessi invece che la popolazione.

Quindi che fare?
Io penso che questo governo se ne dovrebbe andare e nello specifico il ministro dell’Ambiente dovrebbe andare a casa, perché la vicenda dell’Ilva è scandalosa. Il punto però è che l’Ilva è stata tollerata da troppi nel fare i suoi comodi, perché non è da oggi che l’Ilva inquina è da anni e in questi anni eravamo pochissimi a denunciare i superprofitti dell’Ilva che da un lato sfruttava i lavoratori e dall’altro inquinava l’ambiente. Quindi c’è una responsabilità di questo governo perché ha negato l’evidenza, non è intervenuto quando avrebbe dovuto. Ma il problema più generale è che bisogna cambiare l’orientamento politico del governo e del parlamento nei confronti delle grandi imprese; non si può continuare a tollerare qualsiasi cosa succeda.