È tempo di cambiare… anche nel 2014

310

Massimo Cirri: «dalla crisi, anche un’occasione per migliorare». Sabato dalle 18 a Cagli, una giornata dedicata all’ecologia come cultura. In serata, il teatro di Massimo Cirri e Andrea Segrè sullo spreco. Ed anche presentazione di libri e relazioni

«È tempo di cambiare ». Anche il prossimo anno. Con una giornata interamente dedicata a ecologia e cultura, domani a Cagli (Pesaro Urbino) chiude, dando appuntamento alla prossima edizione, la rassegna di teatro eco-sostenibile organizzata dall’Associazione Eco-Fatto e sostenuta dalla Provincia di Pesaro-Urbino, con il contributo di numerosi enti e sponsor. Un’iniziativa importante, per parlare di natura divertendo, che dal 6 aprile ad oggi, ha coinvolto un’ampia e variegata platea, proponendo sui palchi della Comunità montana di Catria e Nerone un cartellone interamente dedicato a efficienza e risparmio energetico, con artisti del calibro di Jacopo Fo, Patrizio Roversi e Diego Parassole.
L’agronomo Andrea Segrè e il conduttore radiofonico Massimo Cirri saranno i protagonisti della serata conclusiva, in Teatro Comunale a partire dalle ore 21,15, con «-SPR+ECO» dialogo scenico sul tema del cibo (e non solo). Spiega il mattatore di «Caterpillar»: «Proveremo a raccontare, con Andrea Segrè, che questa crisi può essere un’occasione per cambiare in meglio un po’ del nostro stile di vita. Dovrebbe cambiare l’economia, il rapporto con le risorse e il territorio dove viviamo. Dovremmo smettere, per esempio, di distruggere il paesaggio perché è un bene comune ed è limitato. Dovremo essere più leggeri e trasparenti. Dovremo cambiare qualcosa, credo partendo dal basso. La politica, che in questi mesi aveva a disposizione una grande occasione di cambiamento, pare un po’ in difficoltà. Io faccio domande, perché questo dovrebbe fare chi fa comunicazione. Alcune intelligenti, altre sceme. Andrea Segrè è un uomo cortese e risponde a tutte».

A precedere l’appuntamento serale in teatro, è prevista nel pomeriggio un’iniziativa interamente dedicata a «Ecologia come cultura»: dalle ore 18 a Palazzo Berardi Mochi Zamperoli (Sala Arcadia), il saluto delle autorità: Massimo Ciabocchi (Presidente Comunità Mont. Catria Nerone), Patrizio Catena (Sindaco di Cagli), Mazzacchera Alberto (Assess. Cultura comunale) e Domenico Papi (Ass. Aree Verdi Montagna Educaz. alla Pace Provincia PU). Quindi, a seguire, Andrea Segrè (come Presidente del Last Minute Market, spin-off accademica nata nel 2005 dall’Università di Bologna, che trasforma i beni invenduti e prossimi a scadenza in risorse da ridistribuire alle associazioni) presenterà la Carta Spreco Zero, nonché il suo ultimo libro «Vivere a Spreco Zero». Quindi, il professor Massimo Puliani (Presidente Istituzione Teatro Cagli) tratterà di «Ecologia Teatrale: da Bertoldo al Living Theatre» e Davide Guidi (Coordinatore Università della Pace delle Marche) parlerà del rapporto tra «Ecologia e Pace». A conclusione buffet a km zero presso Osteria Nani (costo 10 euro).
Per Massimiliano Martini, presidente dell’Associazione Ecofatto che organizza la rassegna, è l’occasione di un appuntamento al 2014: «Abbiamo ricevuto tanti spunti che, a partire da domani, potrebbero già essere fonte di lavoro e quindi di occupazione, contemporaneamente riducendo la nostra impronta ecologica. Questo è l’unico viatico per garantirci un futuro. Il risultato di questa prima edizione ci da forza per riproporla il prossimo anno, sicuri che avremo ancora di più la possibilità di mostrare i frutti di cittadini, enti, associazioni imprese che hanno operato per tutelare e migliorare il nostro territorio. Abbiamo già in mente interessanti sorprese!».