Gioco d’orizzonte o della felicità

243

Dagli usi tribali delle società antiche e di quelle contemporanee, non ancora collegate nell'intreccio relazionale interculturale con il resto dell'umanità, ricaviamo il senso del vivere felice connesso con la percezione del divino espressa con danze, monili, totem, suoni e canti, sacrifici e riti. Una presenza dell'idea della felicità che solo più avanti nel tempo, sia […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.