Riciclaggio, «I Temp(l)i cambiano»

257

L’opera realizzata da Michelangelo Pistoletto per Ecodom sarà in mostra alla Fondazione Stelline in occasione della settima edizione di CompraVerde-BuyGreen, Forum internazionale degli Acquisti Verdi che si concluderà domani

«I Temp(l)i cambiano», l’opera realizzata da Michelangelo Pistoletto per Ecodom (Consorzio italiano recupero e riciclaggio elettrodomestici), fa tappa a Milano per partecipare alla settima edizione del forum Compraverde-BuyGreen, mostra-convegno dedicata a politiche, progetti, beni e servizi di green procurement pubblico e privato. Il forum si propone come punto d’incontro per i diversi attori del settore degli acquisti verdi pubblici, con l’obiettivo di promuoverne la cultura e la diffusione.

L’opera sarà esposta nel chiostro della Magnolia della Fondazione Stelline, storica istituzione milanese, laboratorio di idee e di iniziative per l’arte e la conoscenza, ma soprattutto luogo di incontro e di partecipazione per la vita culturale della città.

«I Temp(l)i cambiano», che rappresenta l’icona dell’attività di Ecodom, è stata voluta dal Consorzio per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della salvaguardia ambientale. Nell’opera di Pistoletto il «rifiuto» si trasforma ed assume una nuova immagine: un tempio greco in cui i cestelli delle lavatrici diventano colonne doriche, mentre le serpentine dei frigoriferi creano basamento e timpano. Un «monumento al riciclo» che poggia su una base instabile, simbolo dell’inevitabile trasformazione e della vera rivoluzione: il passaggio dall’era del progresso e del consumo a quella del riciclo e della responsabilità.
«I tempi cambiano, e con loro i miti – spiega Pistoletto, di recente insignito del prestigioso Praemium Imperiale 2013 a Tokyo – oggi il nuovo mito è il riciclo. Viviamo un momento di passaggio tra il mito del progresso e il mito del riciclo. Tempio – casa – riciclo – tempo – equilibrio – cambiamento».

Così, anche attraverso il linguaggio dell’arte, Ecodom comunica l’importanza della raccolta differenziata e del riciclo, come possibilità di scoprire nuovi modi di impiegare i materiali di scarto e dare loro una seconda vita. Perché un rifiuto può trasformarsi in risorsa, se esiste la volontà che ciò accada. «L’opera di Pistoletto – afferma Giorgio Arienti, Direttore Generale di Ecodom – riassume perfettamente l’impegno del Consorzio verso l’ambiente, e la presenza al Forum Compraverde-BuyGreen è per Ecodom una nuova importante occasione per comunicare l’urgenza di una gestione più sostenibile delle risorse di cui dispone il pianeta».

Ecodom (Consorzio italiano recupero e riciclaggio elettrodomestici) è un Sistema collettivo senza fini di lucro, costituito nel 2004 su base volontaria dai principali produttori di grandi elettrodomestici, cappe e scalda-acqua operanti nel mercato italiano per gestire il trasporto e il trattamento dei Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche). Ecodom ha l’obiettivo di evitare la dispersione di sostanze inquinanti nell’ambiente e massimizzare il recupero dei materiali da reinserire nel ciclo produttivo. Dal 2008 il Consorzio opera sull’intero territorio nazionale coniugando l’eccellenza nel rispetto dell’ambiente con l’efficienza nei processi di trattamento. Con 34 aziende consorziate e una quota del 60% circa nel mercato dei grandi elettrodomestici, Ecodom ha gestito nel 2012 oltre il 30% di tutti i Raee raccolti in Italia.