Il vetro come barriera tra l’uomo e la natura

423
Portavetro 68

«L'appartenenza non è lo sforzo di un civile stare insieme, non è il conforto di un normale voler bene. L'appartenenza è avere gli altri dentro di sé», cantava Giorgio Gaber. E non si può pensare di «avere gli altri dentro di sé» se non si esce dalla campana di vetro, da quell'acquario che credevamo di […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.