Tutto pronto per dire a Bari «Rifiuti Zero»

369

Il movimento nazionale a supporto della Legge Rifiuti Zero, una rete che nasce con lo scopo di seguire l’iter della discussione della Legge di iniziativa popolare su Rifiuti Zero (Lip) attraverso le relazioni dei delegati eletti in occasione dell’assemblea nazionale di Roma del 25 ottobre 2014

Si terrà a Bari il prossimo 9 aprile, presso il Palace Hotel, l’Assemblea nazionale del Movimento Legge Rifiuti Zero.
L’evento organizzato con il supporto logistico di Eco-logica srl e l’adesione di Legambiente, Slow-Food, Isde (Associazione internazionale Medici per l’Ambiente) e Fare Verde, vedrà la partecipazione del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e del Coordinatore del Comitato scientifico dell’International society of doctors for the environment (Isde), Agostino di Ciaula, impegnati entrambi nei saluti e nella presentazione della manifestazione.
A seguire, al prof. Enzo di Salvatore, Costituzionalista (Movimento No Triv, è affidato l’intervento Sì al referendum del 17 aprile per difendere il «Mare Nostrum», mentre Rossano Ercolini, Zero waste Italy, parlerà in merito alle analisi del rifiuto urbano residuo) Riprogettazione del non riciclabile e vuoto a rendere.
Sarà quindi la volta di Enzo Favoino, Coordinatore scientifico Zero Waste Europe, che tratterà l’argomento: incenerire il residuo è necessario? Minimizzazione del residuo e sua gestione flessibile come alternativa ai nuovi inceneritori e per spegnere quelli esistenti e ultimo in programma, non per importanza, è l’intervento di Natale Belosi, Eco-Istituto di Faenza, con il Libro bianco dell’antitrust: Separazione della gestione tra raccolta RSU e impiantistica per il trattamento.
Sarà quindi aperto il dibattito per «Favorire la discussione e approvazione in Parlamento della Legge di Iniziativa Popolare “Verso Rifiuti Zero». Iniziative per contrastare l’art. 35 del D.lgs. 133/2014 «Sblocca Italia».
Nel pomeriggio verrà dato ampio spazio alla discussione, proposte e votazioni della Carta d’intenti, governance e Carta della rappresentanza con interventi dei Movimenti Rifiuti Zero regionali.
Ma cos’è il Movimento Legge Rifiuti Zero?
Il movimento nazionale a supporto della Legge Rifiuti Zero nasce con l’intento di creare una rete di partecipazione su tutto il territorio nazionale all’iter della Legge di iniziativa popolare su Rifiuti Zero (Lip) depositata in Parlamento il 30/09/2013 con il supporto di 86.794 firme di cittadini.
Questa rete nasce con lo scopo di seguire l’iter della discussione della Lip attraverso le relazioni dei delegati eletti in occasione dell’assemblea nazionale di Roma del 25 ottobre 2014; incoraggiare lo scambio di informazioni sulle azioni effettuate nel proprio territorio a supporto dei temi inseriti nella Lip; interloquire con il gruppo scientifico/giuridico per approfondimenti e chiarimenti su ciascun punto della Lip, ma anche su specificità delle proprie azioni territoriali; informare sulle attività del proprio territorio inerenti a Rifiuti Zero in maniera tale da creare un archivio di situazioni a disposizione permanente di tutti i membri del gruppo; censire tutte le realtà inerenti o vicine a rifiuti zero presenti sul territorio, realtà che poi possono a sua volta utilizzare il logo essendo registrate e quindi monitorate sull’operato sul territorio.
Un coordinamento al quale possono aderire persone fisiche, associazioni, comitati che dichiarino la conoscenza dei contenuti della Lip e si impegnino a sostenerli sul proprio territorio promuovendo azioni in sintonia con i principi di Rifiuti Zero, attività di comunicazione e divulgazione degli stessi, un coordinamento dal quale possono partire proposte di campagne nazionali legate ai contenuti della Lip.
Nessuna struttura gerarchica nel gruppo, ma una designazione di responsabili della gestione del gruppo su base trimestrale/semestrale e il tutto avendo come finalità ultima il voler includere quanti più soggetti possibile su tutto il territorio nazionale che condividano alcune regole comportamentali basi che possano garantire al meglio un approccio costruttivo delle attività del gruppo.
Un’assemblea nazionale che arriva in Puglia dopo aver toccato Firenze lo scorso 19 settembre e sarà occasione di confronto tra le delegazioni provenienti dalle diverse Regioni d’Italia, le associazioni ed i movimenti nazionali che hanno aderito al movimento.
Per maggiori informazioni