Le radici spezzate della legge

711

Pier delle Vigne, gran funzionario con diversi e sempre prestigiosissimi incarichi, al servizio dell'imperatore Federico II. Fu altresì uno dei massimi esponenti della prosa medioevale. Cadde poi in disgrazia, non si sa se per accuse di corruzione o per un tentativo di congiura. Dante lo incontra nel XII canto dell'Inferno, assolvendolo dall'accusa di aver tradito […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.