La barriera corallina del Belize non è più in via di estinzione

926
barriera corallina mare

Iniziativa Unesco. Nonostante coprano meno di un millesimo del fondo oceanico, le barriere coralline ospitano più di un quarto delle specie di pesci marini. Lo stato delle barriere coralline è considerato un indicatore importante della salute generale dei mari


Il Belize Barrier Reef, il più grande sistema di barriera corallina nell’emisfero settentrionale, è stato recentemente rimosso dalla lista delle Nazioni Unite dei siti del patrimonio mondiale in via di estinzione.
Durante la 42esima sessione del comitato patrimoniale mondiale che si sta tenendo a Manama, Bahrein, a partire dal 24 giugno, la Commissione del patrimonio mondiale dell’Unesco ha votato per rimuovere la barriera dalla sua lista di siti minacciati poiché non affronta più il pericolo immediato dello sviluppo.

«Negli ultimi due anni, in particolare nell’ultimo anno, il governo del Belize ha messo in pratica una vera trasformazione», ha dichiarato Fanny Douvere, coordinatore del programma marino presso il World heritage center dell’Unesco.

Conosciuta per la sua straordinaria biodiversità e per la sua vicinanza alla costa, a poche centinaia di metri in molti luoghi, il Belize Barrier Reef è stato nominato nella prestigiosa lista del patrimonio mondiale nel 1996, ma è stato messo in pericolo nel 2009.
Il sistema si estende per circa 200 miglia lungo la costa orientale della penisola dello Yucatan ed è costituito da una serie di barriere coralline, isolotti e isole, molte delle quali sono coperte di mangrovie.

«I sette siti del sistema illustrano la storia evolutiva dello sviluppo della barriera corallina e rappresentano un habitat significativo per le specie minacciate, tra cui la tartaruga marina, il lamantino e il coccodrillo marino americano», riferisce l’Unesco.

I funzionari delle Nazioni Unite avevano inizialmente citato «il taglio delle mangrovie e lo sviluppo eccessivo» come la preoccupazione principale quando la barriera corallina è stata aggiunta alla Lista del patrimonio mondiale in pericolo nel 2009. Hanno anche espresso preoccupazione per l’esplorazione petrolifera. Da allora, il governo del Belize ha imposto una moratoria sulle esplorazioni petrolifere attorno alla barriera corallina e ha implementato le protezioni per le foreste di mangrovie costiere.

Le leggi introdotte dal governo del Belize sono arrivate dopo che gli ambientalisti hanno organizzato un referendum informale nel 2012, in cui il 96 per cento dei cittadini ha votato contro l’esplorazione petrolifera offshore, scegliendo la barriera corallina sui potenziali guadagni economici per il povero paese centroamericano.
Tra la pesca e il turismo, infatti, il Belize stima che la barriera corallina porti circa 37 milioni di dollari all’anno, riporta il «Telegraph».
Gli esperti hanno avvertito, tuttavia, che il pericolo a lungo termine per le barriere coralline del mondo rimane il cambiamento climatico.

Nonostante coprano meno di un millesimo del fondo oceanico, le barriere coralline ospitano più di un quarto delle specie di pesci marini. Lo stato delle barriere coralline è considerato un indicatore importante della salute generale dei mari.

Cristina Di Leva