Non vi innamorate…

1041
amore natura

Oggi viviamo di slogan, di illusioni e spegniamo il cervello. È una delle ragioni per cui tutto sta andando a carte quarantotto. Parma, Islanda, Londra…

Innamorarsi è bellissimo ma è necessario far passare questo vitale sentimento anche dalla ragione, un po’ prima o un po’ dopo scegliete voi. Fermarsi solo al sentimentalismo e lasciar fare al cuore, può capitare poi, ahimè!, un amaro risveglio.

Oggi, però, preferiamo vivere di slogan, di illusioni e… spegnere il cervello. È una delle ragioni per cui tutto sta andando a carte quarantotto.

Ci illuminiamo quando leggiamo classifiche di città al top per qualità della vita o a nazioni che hanno sconfitto la globalizzazione economica e navigano fantasticamente verso l’energia verde e un mondo idilliaco.

Parma ad esempio, decima nella qualità della vita e comunque sempre fra le prime in varie classifiche, e sarà città della cultura italiana nel 2020. Ma poi scopri che da 14 giorni consecutivi è fuori legge per le polveri sottili, che problemi vi sono per i corpi idrici e che non tutti gli allevamenti di maiale sono proprio innocenti… E allora di che parliamo?

Slogan, immagini farlocche e poi sono i soliti cattivi che diffondono fake news o siamo noi accecati dall’«amore»?

Parma è solo uno degli esempi fra i tanti che si possono fare. E gli Stati esteri miti per frotte di turisti e modelli per la bistrattata Italia?

L’Islanda, ad esempio, dall’energia verde, dal riscaldamento nelle case, dalle terme all’aria aperta ecc. ecc. ma toh! scopri che hanno deciso di riprendere la caccia alle balene, e di ucciderne 2.000 in cinque anni!

E Londra? altro mito moderno, immagine di libertà, piacere, musica, amore ecc. Uno studio britannico condotto su oltre 2.000 bambini della scuola elementare dimostra che le emissioni diesel cittadine hanno ridotto le capacità respiratorie del 5%. E altri problemi vi sono anche per le acque.

Continuiamo a demolire miti? e a che serve? Ormai la popolazione è anestetizzata, è contenta così. Un po’ più di inquinamento, respiriamo di meno, regaliamo anni di vita ma quelli che ci restano li viviamo con lo smartphone a disposizione e magari a 5G, non toccateci l’hamburger e amiamo follemente in una perenne illusione di gioventù fino al nostro ultimo respiro. Un po’ come l’invito che ha scritto il sindaco di Londra nelle stazioni Metro: «Qui a Londra siete liberi di amare chiunque vogliate amare e di essere chiunque vogliate essere».

E vai! tutto il resto è noia.

I. L.