Nuova energia per lo spazio dal Belgio

679
EUCLID © Thales Alenia Space_Imag[IN] (4)LR

Inaugurato un nuovo sito di assemblaggi fotovoltaici per pannelli solari satellitari. Iniziativa Thales Alenia Space (joint venture tra la francese Thales 67%, e l’italiana Leonardo 33%): il nuovo sito a Hasselt è dedicato alla produzione automatizzata di assemblaggi fotovoltaici, che generano energia elettrica sui pannelli solari dei satelliti

L’industria spaziale sta subendo attualmente una profonda trasformazione che include l’avvento di nuovi operatori e nuove iniziative che portano a un significativo cambiamento industriale.

Mentre l’innovazione continua ad avere un ruolo preminente in questo ambiente competitivo, le società devono ottimizzare anche i processi e trasformare le operazioni di produzione, se intendono rispondere alle esigenze di mercato in termini di riduzione dei costi e ritmi di produzione accelerati, Thales Alenia Space (joint venture tra la francese Thales 67%, e l’italiana Leonardo 33%), ha inaugurato un nuovo sito a Hasselt, Belgio, dedicato alla produzione automatizzata di assemblaggi fotovoltaici, che generano energia elettrica sui pannelli solari dei satelliti.

Questo nuovo sito, realizzato con un budget di 20 milioni di euro, sarà in grado di produrre annualmente da 100.000 a 200.000 assemblaggi fotovoltaici, a seconda delle necessità. E si integra con il centro di eccellenza di Leonardo a Nerviano, in Italia, dove vengono progettati e realizzati gli assemblaggi fotovoltaici per i più importanti programmi di Agenzia spaziale europea (Esa) e Agenzia spaziale italiana (Asi). Con questa nuova «Factory 4.0», la Space Alliance formata da Thales Alenia Space e Telespazio sarà in grado di realizzare una gamma di soluzioni di pannelli fotovoltaici complementare e altamente competitiva per tutti i tipi di satellite.

«Con la costruzione di questo nuovo centro di eccellenza per la produzione automatizzata, confermiamo la nostra posizione all’avanguardia nell’innovazione — ha dichiarato Jean Loïc Galle, Presidente e numero uno di Thales Alenia Space —. Questo sito rappresenta una milestone chiave nello sviluppo della nostra strategia che mira ad espandere la nostra impronta europea a integrazione dei nostri siti esistenti. Stiamo arricchendo la nostra linea di prodotti, trasformando i nostri metodi di produzione e migliorando la nostra agilità nel soddisfare i bisogni di un mercato in rapida evoluzione e fortemente competitivo».

La costruzione di questa nuova struttura a Hasselt, ha ricevuto il supporto del governo belga oltre che del progetto Artes (Ricerca Avanzata per Sistemi di Telecomunicazione) dell’Agenzia spaziale europea. Il nuovo sito rappresenta inoltre una soluzione ideale per il piano strategico di Thales Alenia Space, che include una presenza massiccia in nazioni chiave, come in questo caso il Belgio, che stanno investendo intensamente nel settore spaziale.

Antonio Lo Campo