Le asimmetrie e la realtà vitale che viene meno

174

Siamo tutti di fronte al pressante sopravanzare di un «fare» (del quale la guerra è una rilevante parte), imposto senza alternative, che sottrae tempo alla valutazione delle responsabilità e alla partecipazione consapevole, personale e collettiva, sulle scene dell'esistere. Un'assenza di momenti di autonomia mal sopportata dagli individui, ma non riconosciuta come tale e fatta passare, […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.