Antibracconaggio in sei regioni

    869
    caccia cartucce

    Rinvenuti 2.234 uccelli vivi con anelli identificativi inamovibili contraffatti o completamente privi di anello

    Si è conclusa ieri l’attività che ha visto i militari dei Reparti dei Carabinieri Forestali eseguire 14 delle 17 misure cautelari e 34 delle 42 perquisizioni in diverse Regioni d’Italia nell’ambito di un’attività delegata dalla Dda di Trento, riguardo un traffico illecito, nazionale e transnazionale di avifauna.

    L’operazione è stata l’epilogo di alcune attività, sia di iniziativa che delegate, avviate nel biennio precedente dal Corpo forestale della Provincia autonoma di Trento coadiuvato dai carabinieri forestali in particolare dal gruppo forestale di Treviso le quali sono poi confluite in unico fascicolo penale sotto la coordinazione della Direzione Distrettuale antimafia di Trento.

    I reati contestati riguardano, fra l’altro, il cosiddetto «furto venatorio», disciplinato sia dal codice penale sia dalla L. 157/92, il maltrattamento animali, la ricettazione, il riciclaggio e la detenzione abusiva di armi, nonché alcuni articoli del Tulps volti a garantire l’ordine pubblico e l’incolumità pubblica.

    L’attività dei carabinieri forestali si è svolta in sei Regioni d’Italia, articolata su 13 province (da Pordenone a Napoli) per un totale di 34 obiettivi.

    Le misure cautelari, quali traduzioni in carcere e arresti domiciliari, e contestuali perquisizioni sono state eseguite nei confronti di 14 persone mentre altre 20 persone indagate sono state sottoposte a perquisizione.

    L’indagine ha permesso di disvelare una complessa attività criminale che consisteva, principalmente, nell’illegale prelevamento di esemplari di avifauna in natura, ai quali veniva apposto l’anello inamovibile per l’identificazione e venivano rivenduti sul mercato come «richiami» vivi per le attività venatorie, destinati anche ad ignari cacciatori convinti di acquistare legittimamente uccelli di allevamento, disposti ad esborsare anche 500 euro per un singolo esemplare.

    Nell’ambito delle perquisizioni i militari hanno rinvenuto 2.234 uccelli vivi con anelli identificativi inamovibili contraffatti o completamente privi di anello (1.815 uccelli con anello contraffatto + 29 privi di anello + 390 vivi); sono stati inoltre sequestrati 2.176 anelli inamovibili, nonché tutta l’attrezzatura necessaria per la contraffazione di anelli, reti per l’uccellagione, gabbie, cartucce e fucili, diverse sostanze dopanti per animali, telefoni cellulari e pc. Inoltre altri uccelli, più di 280, sono stati ritrovati morti.

    Gli esemplari vivi sono stati affidati a centri di recupero con finalità di riabilitazione propedeutica alla liberazione in natura.

    Fra le specie di avifauna rinvenute, sono presenti pettirossi, tordi, merli cesene e frosoni.

    Sono tuttora in corso approfondimenti investigativi.

     

    (Fonte Comando Generale Arma Carabinieri)