Boschi e verde pubblico, l’intervento dei Carabinieri forestali

alberi capitozzatura viale citta

Tagli irregolari: irregolarità in 1.637 e sanzioni amministrative pari a circa 2,5 milioni di Euro, 108 denunciati. In Aree protette 157 violazioni amministrative per un importo totale pari a circa 40.000 euro e denunciate 18 persone. Per capitozzature, tagli e altre irregolarità denunciate dai cittadini accertate 127 irregolarità, con l’elevazione di sanzioni amministrative pari a circa 50.000 Euro e la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 7 persone

Il confinamento non ha fermato i Carabinieri forestali che, anche durante la fase critica dovuta all’emergenza sanitaria legata al Covid-19, hanno incessantemente continuato l’attività di prevenzione e repressione dei reati e delle violazioni amministrative nel settore forestale, con particolare riguardo al fenomeno dei tagli abusivi degli alberi.

I reparti dell’Organizzazione forestale, ambientale e agroalimentare dell’Arma dei Carabinieri hanno operato in sinergia con le Amministrazioni locali, competenti in materia di gestione del verde pubblico, in linea con le indicazioni del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare che si avvale, al riguardo, di qualificati organi tecnico-scientifici tra i quali il Comitato per lo sviluppo del verde pubblico; significativo, altresì, è stato l’apporto delle associazioni ambientaliste e singoli cittadini che, per le tematiche relative alla difesa dell’ambiente, sono fondamentali per l’adozione di comportamenti quotidiani virtuosi al fine della conservazione delle biodiversità.

In tale quadro di elevata sensibilità e attenzione alla tutela del patrimonio forestale e del verde pubblico, i militari del Comando Carabinieri Tutela Forestale, attraverso le proprie articolazioni costituite da 784 Stazioni CC Forestali a presidio di aree di grande valenza ambientale, hanno dedicato particolare attenzione, nei mesi da aprile a giugno, alle operazioni di taglio ed esbosco autorizzate nonché a intensificare i controlli per contrastare le attività illecite dei tagli abusivi e furti di legname.

I risultati delle attività si riassumono in 6.279 controlli sul territorio, di cui 1.637 hanno evidenziato irregolarità, con conseguente elevazione di sanzioni amministrative pari a circa 2,5 milioni di Euro e la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 108 persone.

I militari dei Raggruppamenti Carabinieri Biodiversità e Parchi, inoltre, unità specializzate nella tutela e gestione delle aree protette di maggior pregio all’interno delle Riserve naturali dello Stato e dei Parchi nazionali, a loro volta, hanno effettuato 1.919 controlli accertando 157 violazioni amministrative (per un importo totale pari a circa 40.000 euro) e denunciando all’Autorità giudiziaria 18 persone.

Le violazioni amministrative riscontrate hanno riguardato per lo più irregolarità e/o difformità nell’esecuzione del taglio dei boschi cedui e d’alto fusto, nonché la realizzazione di piste da esbosco prive di autorizzazione. Gli illeciti penalmente rilevanti, invece, si riferiscono a tagli non autorizzati, a furti di legname nei boschi demaniali e privati o al danneggiamento delle piante.

A questa attività sul territorio si è aggiunto, inoltre, un esteso monitoraggio che ha riguardato il verde pubblico in contesti urbani, settore che ha registrato un rinnovato impulso, a partire dalla legge n.10 del 2013 che, tra l’altro, ha fissato al 21 novembre di ogni anno la «Giornata nazionale degli alberi» al fine di perseguire, attraverso la valorizzazione dell’ambiente e del patrimonio arboreo, politiche di riduzione delle emissioni, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all’albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani.

In questo particolare ambito, anche quale concreta risposta alle numerose segnalazioni da parte di cittadini e associazioni ambientaliste indirizzate al ministero dell’Ambiente e/o alle Stazioni Carabinieri forestali per presunte violazioni a leggi regionali di settore, quali tagli privi di autorizzazione di soggetti singoli o di alberature stradali, nonché non corrette tipologie gestionali (capitozzature, potature, ecc.), sono stati eseguiti n. 886 controlli di cui 127 hanno accertato irregolarità, con l’elevazione di sanzioni amministrative pari a circa 50.000 Euro e la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 7 persone.

(Fonte Comando Generale Carabinieri)