Così il traffico navale danneggia coste e canali

Zaggia1 Nave
Figura 1. Una nave portacontainer in navigazione nella baia di Charleston, South Carolina, USA (fonte: Shutterstock, Daniel Wright98).

Lo studio dei fenomeni erosivi legati al traffico navale Si tratta di problematiche particolarmente critiche per i grandi porti localizzati all’interno di sistemi confinati o semi-confinati quali gli estuari e le lagune costiere nei quali, a differenza del mare aperto, questo input di energia può localmente superare l’azione delle forzanti naturali nella modellazione dei fondali […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.