Ancora marcato il pericolo valanghe

2786
sci neve
Tempo di lettura: < 1 minuto

Uscite fuori delle piste battute e segnalate fortemente limitate. Richiesta elevata capacità di valutazione locale. Sconsigliate alle alte quote dove rilevati recenti lastroni da vento e neve fresca

Sull’Arco alpino come sulla Dorsale appennica, in generale, il pericolo valanghe più rilevante è di grado marcato 3, ed è dovuto al problema valanghivo connesso ai lastroni da vento, non sempre riconoscibili, ma da evitare, in quanto inclini al distacco già con debole sovraccarico, ovvero, al passaggio di un singolo sciatore o escursionista con ciaspole o a piedi.

Pertanto fare la massima attenzione sui pendii ripidi dove depositata neve ventata, in prossimità di creste, conche e canaloni, cambi di pendenza.

Sui settori alpini occidentali e su quelli adriatici dell’Appennino Centro-Settentrionale, fare attenzione anche al recente problema valanghivo connesso alla neve fresca, a tutte le esposizioni. attendere il consolidamento e fare attenzione ai pendii molto ripidi.

Dappertutto le uscite in aree non controllate e non gestite, non battute e non segnalate, sono in generale fortemente limitate e richiedono una elevata capacità ed esperienza di osservazione e di valutazione locale del pericolo.

Alle alte quote, sui pendii ripidi, nelle aree che sono state sottovento negli ultimi giorni, le uscite sono sconsigliate.

Ma per i dettagli necessari per conoscere ed interpretare correttamente i gradi di pericolo, i problemi valanghivi e i relativi consigli, per settore montano, si rimanda alla consultazione del sito web e dell’app meteomont.

 

(Fonte Meteomont Carabinieri)