Transizione energetica e clima, le strategie per il Sud del mondo

2733
Tempo di lettura: 4 minuti

(Adnkronos) – Il cambiamento climatico è una delle sfide più urgenti e complesse che il mondo affronta oggi.

Richiede un approccio globale e cooperativo che vada oltre i confini nazionali e consideri le diverse realtà economiche e sociali dei vari paesi. In questo contesto, l’analisi condotta da S&P Global Commodity Insights offre un’importante prospettiva sulla transizione energetica e sulle sfide che il Sud del mondo deve affrontare. Lo stato attuale del cambiamento climatico ci pone di fronte a una sfida senza precedenti, che richiede un impegno collettivo e urgente da parte di tutte le nazioni del mondo. Dalla COP28 emerge un quadro preoccupante: il mondo è significativamente lontano dal raggiungere gli obiettivi stabiliti dall’Accordo di Parigi. Gli impegni nazionali attuali sono ben al di sotto di quanto richiesto per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius entro il 2030, con una prospettiva che prevede solo una modesta riduzione delle emissioni entro quel termine. L’analisi condotta da S&P Global Commodity Insights conferma questa tendenza allarmante, evidenziando come gli sforzi attuali ridurrebbero le emissioni solo del 10% entro il 2030 anziché il taglio del 43% necessario. Questo divario crescente tra le traiettorie delle emissioni e il percorso verso lo zero netto entro il 2050 sottolinea l’urgenza di un’azione più decisa e coordinata. Mentre gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno visto un rallentamento delle loro emissioni, le proiezioni indicano che India, Africa e altri mercati emergenti continueranno a registrare aumenti significativi nelle emissioni nel prossimo futuro. È cruciale riconoscere, però, che le responsabilità non sono equamente distribuite: molti paesi del Sud del Mondo hanno contribuito in misura minore alle emissioni storiche rispetto ai loro omologhi del Nord. Questo dato dovrebbe smontare l’idea ingiusta che il Sud sia il principale responsabile del fallimento globale nel raggiungere gli obiettivi climatici. La transizione energetica che si prospetta non può essere affrontata con una soluzione unica per tutti. S&P Global Commodity Insights sottolinea come essa sarà multidimensionale, richiedendo un approccio flessibile e adattabile a diverse realtà nazionali. È fondamentale coinvolgere attivamente i paesi del Sud del Mondo in questo processo, considerando le loro specifiche sfide e priorità. Affrontare le sfide energetiche nel Sud del Mondo è una necessità urgente, considerando il divario significativo nel reddito pro capite tra le regioni del Nord e del Sud del pianeta. Mentre il reddito pro capite nell’India si aggira intorno ai 2.900 dollari statunitensi e nell’Africa subsahariana è inferiore a 1.800 dollari statunitensi, nel Nord America supera i 63.000 dollari statunitensi e nell’Europa occidentale supera i 51.000 dollari statunitensi. Questa marcata disparità sottolinea l’importanza critica dell’accessibilità all’energia. Le soluzioni energetiche adottate nel mondo occidentale, come i veicoli elettrici e la cattura e stoccaggio del carbonio, potrebbero essere finanziariamente fuori portata nel Sud del Mondo. Mentre i governi dei paesi sviluppati possono offrire incentivi e sovvenzioni per facilitare la transizione energetica, quelli nel Sud del Mondo spesso non hanno la flessibilità finanziaria necessaria per implementare tali iniziative su larga scala. Inoltre, la priorità per molti di questi paesi è garantire l’accessibilità a un’energia economica, spesso proveniente da fonti di idrocarburi, che viene sussidiata per garantire un accesso diffuso. La crescita economica emerge come soluzione primaria per superare questo divario, consentendo ai paesi del Sud del Mondo di offrire incentivi e sovvenzioni simili a quelli dei paesi sviluppati per la transizione energetica. Tuttavia, per raggiungere tale crescita economica, è fondamentale garantire l’accesso a un’energia economica e accessibile, lasciando molte nazioni in una situazione di stallo. Inoltre, la dipendenza economica e politica dalla dotazione nazionale di combustibili fossili rappresenta un’altra sfida significativa. Il carbone, il petrolio e il gas svolgono un ruolo critico nella sicurezza dell’approvvigionamento e sono fonti primarie di entrate per molti paesi del Sud del Mondo. Queste risorse sono vitali per finanziare i bilanci nazionali e sostenere i programmi sociali. La transizione rapida da queste fonti di energia potrebbe comportare disoccupazione diffusa, agitazioni politiche e destabilizzazione, minando gli sforzi per affrontare il cambiamento climatico. Inoltre, i vincoli infrastrutturali complicano ulteriormente la transizione energetica. La costruzione di infrastrutture energetiche su larga scala richiede procedure di acquisizione terreni e processi di permessi che possono incontrare ritardi prolungati, specialmente quando devono navigare attraverso giurisdizioni multiple e attraversare linee di contea e statali. La mancanza di accesso alla tecnologia e alla forza lavoro qualificata rappresenta un’altra sfida. Molti paesi non dispongono dell’infrastruttura tecnologica e dell’esperienza necessarie per implementare e mantenere nuovi sistemi energetici, ostacolando il progresso verso la sostenibilità. Superare questo divario tecnologico attraverso la collaborazione globale e investire nello sviluppo della forza lavoro è essenziale per facilitare una transizione di successo. Infine, il finanziamento e il costo del capitale rappresentano sfide sostanziali per gli investimenti energetici nel Sud del Mondo. L’accesso limitato ai mercati finanziari e i costi elevati del prestito scoraggiano gli investitori, mentre la mancanza di ambienti normativi stabili mina ulteriormente la fiducia degli investitori. Attraendo capitali e garantendo condizioni di finanziamento favorevoli sono fondamentali per avanzare nell’infrastruttura energetica e la transizione verso fonti di energia sostenibili. L’analisi condotta da S&P Global Commodity Insights evidenzia diverse strategie fondamentali per i decisori politici, l’industria e gli investitori impegnati nella transizione energetica nel Sud del Mondo. Questa transizione richiede un approccio flessibile e adattabile, in linea con le esigenze e le peculiarità di ciascun paese. La diversità delle opportunità e delle sfide implica la necessità di un approccio che permetta di considerare una vasta gamma di soluzioni. Le vie energetiche regionali dovrebbero concentrarsi innanzitutto sui bisogni fondamentali di accesso all’energia e convenienza, prima di avanzare verso obiettivi climatici più ambiziosi. In questo contesto, molte nazioni del Sud del Mondo vedono nei combustibili fossili convenzionali, come il gas, un’opportunità per sostenere la crescita economica e ridurre la dipendenza da fonti più inquinanti. Tuttavia, si riconosce la necessità di un graduale “salto tecnologico” verso energie rinnovabili, sebbene questo possa risultare impegnativo per economie a basso reddito. Per rendere i progetti di tecnologie pulite meno rischiosi e più attraenti per gli investitori, è cruciale sviluppare capacità nella logistica, nei contratti, nel finanziamento e nei regolamenti. Inoltre, la collaborazione tra settori pubblico e privato può contribuire a sviluppare le competenze locali necessarie per gestire, mantenere e investire in progetti di energie rinnovabili, garantendo così una sostenibilità a lungo termine. Le banche multilaterali di sviluppo svolgono un ruolo chiave nel finanziamento di progetti climatici nei paesi in via di sviluppo. Tuttavia, per massimizzare il loro impatto, è necessaria una maggiore collaborazione e coordinamento tra le varie istituzioni. L’impegno finanziario annunciato alla COP28 è un passo positivo, ma occorre un impegno continuo e crescente per affrontare le sfide climatiche in modo efficace. La collaborazione Nord-Sud, sia tra governi che tra aziende, è essenziale per accelerare la transizione energetica. L’apprendimento e lo scambio di tecnologie e pratiche migliori possono favorire un progresso più rapido verso obiettivi comuni. La cooperazione internazionale e il supporto sono fondamentali per sbloccare il pieno potenziale dei paesi in via di sviluppo nel raggiungere gli obiettivi climatici globali e l’Accordo di Parigi. —sostenibilitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)