Editoriale

191
Acquachiara acquascura Anno I - N. 2 - Giugno 1998

Probabilmente non esiste goccia d'acqua che non porti l'impronta dell'uomo. La presenza umana è riuscita a penetrare profondità inimmaginabili e non con i sottomarini, ma semplicemente interagendo con il clima (se è vero che il raddoppio dell'anidride carbonica fa variare la frequenza del Niño) e scaricando nell'aria ogni sorta di sostanze gassose che poi ci […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.