Dita di zinco per il Dna

168
tettina 9 MAgostinelli
foto di Michele Agostinelli

Tra le strutture in grado di legarsi al Dna vi sono particolari domini proteici che, stabilizzati dall'interazione con un atomo di zinco, assumono una struttura che ricorda quella delle dita di una mano («zinc-finger»). In analogia con quanto si osserva per le dita della mano, la cui azione richiede l'intervento di due dita, essenzialmente per […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.