Editoriale

104
Silenzio, parla il vento Anno VI - N. 21 - Marzo 2003 foto di Pina Catino

La storia dell'uomo, analizza Fernand Braudel, è come una perenne dialettica fra il possibile e l'impossibile. L'ambiente circostante continua ad essere percepito come selvaggio per cui la missione della civiltà è quella di addomesticarlo. Ma questo vale per noi occidentali, infatti, basta esaminare la percezione della natura fra le culture asiatiche, africane, oceaniche o dei […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.