Per i trasporti un decalogo da parte dell’Agenzia europea

    152
    bus

    Integrare le politiche dei trasporti con quelle dell’ambiente senza discriminare chi non ha mezzi di trasporto

    I trasporti sono una «voce» importante nel bilancio ambientale delle città, per questo è in primo piano fra le attenzioni dell’Agenzia europea dell’ambiente. In un recentissimo rapporto, disponibile in Internet, ha evidenziato dieci problemi chiave. Eccoli:
    1) I trasporti crescono di pari passo con la crescita del PNL: bisogna disaccoppiare crescita economica e crescita dei trasporti.
    2) Le emissioni di inquinanti dei trasporti stradali diminuiscono nonostante la crescita del traffico: tuttavia bisogna diminuire l’esposizione della popolazione all’inquinamento agendo sul sistema complessivo dei trasporti.
    3) Le emissioni di gas serra dai trasporti stradali ed aerei, viceversa, sta aumentando, nonostante l’aumento di efficienza energetica dei singoli veicoli.
    4) Combustibili alternativi come i biocarburanti potrebbero risolvere i problemi, ma occorre promuovere i biocarburanti e minimizzarne gli impatti negativi.
    5) Il trasporto su strada ed il trasporto aereo creswcono continuamente, mentre diminuisce il trasporto ferroviario, il trasporto autobus ed il trasporto marittimo. Il sistema complessivo dei trasporti va riequilibrato.
    6) Molti servizi e necessità di base dei cittadini sono troppo dipendenti dal mezzo di trasporto o dalla disponibilità dell’auto privata. Chi non dispone di mezzi di trasporto non può essere svantaggiato rispetto a chi ne dispone.
    7) Le strutture del mercato e dei prezzi favoriscono il trasporto privato. Politiche di riequilibrio fra trasporto pubblico e privato sono necessarie.
    8) Le politiche di internalizzare i costi del trasporto producono buoni risultati ma il trasporto marittimo ed aereo ne sono ancora fuori.
    9)le infrastrutture dei trasporti si stanno espandendo in modo irrazionale. È necessario ottimizzare le esistenti infrastrutture ed integrare quelle nuove in modo razionale ed ottimale.
    10)Le infrastrutture di trasporto stanno frammentando l’habitat naturale ponendo anche minacce per la biodiversità. Le infrastrutture dei trasporti non devono creare isolamento o barriere per gli spostamenti delle popolazioni animali, né per le naturali migrazioni delle specie migratorie.

    (Fonte Aea)

    (25 Ottobre 2004)