Le norme di riferimento che «governano» il Parco

186

Taluni pronunciamenti giurisprudenziali sembrano voler mettere sullo stesso piano l'interesse imprenditoriale alla produzione energetica (pur con modalità non inquinanti) ed il bene costituzionalmente garantito della tutela del paesaggio, laddove evidentemente si tratta di due beni non comparabili, nella misura in cui il secondo è irriducibile e non ripetibile Le possibilità concesse dalla legge quadro in […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.