Il diritto all’informazione

164

La Commissione ha promosso per molto tempo sia il diritto dei cittadini ad accedere ad informazioni di carattere ambientale sia il loro coinvolgimento in questioni di protezione ambientale. A partire dal 1990, grazie alla direttiva sul pubblico accesso alle informazioni ambientali, è stato possibile assicurare al pubblico l’accesso ad informazioni di competenza delle autorità locali.
La idea di produrre inventari sulle emissioni è nata in occasione del vertice sull’ambiente tenutosi nel 1992 a Rio de Janeiro ed ha ricevuto il sostegno dell’Ocse. Nell’Ue tale idea è diventata un obbligo grazie alla direttiva del 1996 sulla prevenzione e sulla riduzione integrate dell’inquinamento, che stabilisce, peraltro, quanto segue: «un inventario delle principali emissioni e delle fonti responsabili verrà pubblicato dalla Commissione con cadenza triennale in base alle informazioni fornite dagli Stati membri».
Nel 2000 si erano già elaborati tutti i dettagli necessari, poi elencati per sommi capi nella decisione della Commissione di costituire l’Eper (2000/479/CE).