Il progetto

120

Ipogea è il coordinatore del progetto, che avrà una durata di 36 mesi e il cui meeting d’avvio si terrà a Matera dal 23 al 26 gennaio 2004, con l’obiettivo di pianificare tutte le attività dei partner. Ciascun partner del progetto tratterà uno specifico caso di studio sui tunnel drenanti dei loro paesi.
Gli esperti più importanti nel settore dei tunnel drenanti prenderanno parte al meeting d’avvio, durante il quale visite su campo e prove sperimentali si focalizzeranno sui sistemi di gallerie drenanti nei paesi coinvolti.
Gli obiettivi specifici del progetto sono i seguenti:
Inventario dei tunnel drenanti nel Mediterraneo e confronto con i metodi di costruzione e con il funzionamento dei tunnel già esistenti in altre regioni nel mondo;
Individuazione dei valori storici e monumentali;
Analisi dei metodi di lavoro riguardanti la produzione idrica, la conservazione e dell’approvvigionamento idrico, nonché dell’interazione con l’ecosistema
Individuazione del ruolo delle foggara nella costruzione del paesaggio culturale in armonia con l’ambiente per quanto riguarda la costruzione delle oasi nell’Erg occidentale;
Valutazione delle cause ambientali, economiche e socio-culturali della crisi, dell’abbandono e o dell’assenza di queste tecniche in alcune aree e delle loro vitalità in alter;
Miglioramento della quantità e della qualità dell’approvvigionamento idrico esistente o futuro in diverse condizioni;
Studio dei metodi di restauro e di conservazione delle foggara miranti a salvaguardarne le caratteristiche monumentali e le funzioni idriche;
Valutazione del modo in cui le foggara possano essere reintrodotte e diffuse nelle aree interessate.

Durante il convegno sarà dato l’importante annuncio che l’Unione Europea, nell’ambito del VI Programma Quadro, ha approvato una seconda richiesta di finanziamento, coordinata da Ipogea. Si tratta del progetto Shaduf. Traditional Water Techniques: Cultural Heritage for a Sustainable Future, che permetterà di ampliare la tematica allo studio dei seguenti paesi: Egitto, Palestina, Grecia, Siria e Giordania.