L’Immaginopatia: da Socrate a Seneca ai tempi moderni

562

Perché gli uomini si assoggettino a poteri «invisibili» esterni e si allineino in modo automatico, potremmo dire inconscio, a mode e modi che spesso li portano a compromettere la loro libera scelta, il loro interesse primario, la verità su di sé e la verità in generale, magari consegnandosi in massa a un leader di turno […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.