La campagna che non c’è

150

Forse è venuto davvero il momento di chiedersi se esiste ancora la vera campagna, o se quella che oggi reca questo nome deve continuare ad esistere come caricatura di se stessa, cancellando siepi e corsi d'acqua, viali alberati e boschetti, per sostituirli con pali elettrici e telefonici, cemento e ripetitori, monoculture desolate percorse dal rombo […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.