Non ci interroghiamo più sul senso delle cose

32

Oggi la «diversità» biologica e quella del pensiero sembrano non interrogare più l'uomo. Non si interroga più, sul senso delle cose, lo scienziato o l'intellettuale, sempre più chiamati ad operare per sviluppare un mondo tecnologico, assoluto o ideale, ricopiato da suggestive immagini tratte da sperimentate o argomentate convinzioni. Ma non ci interroghiamo più neanche noi, […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.