Opportunità per gli imprenditori

86

In un «società globale in crisi», queste forme di associazione manageriale, rappresentano un’opportunità per le nuove generazioni di imprenditori (Entrepreneurship) ed una scelta valida, allo stesso tempo, per coinvolgere persone di una certa età, pensionati e disabili ad un lavoro produttivo e degno dal punto di vista economico, sociale, ambientale e culturale che confluirà nello sviluppo municipale (autogoverno parrocchiale).

Inoltre, mediante il lavoro cooperativo («home office on line volunteers») si potrà promuovere negli esseri umani l’altruismo ed il lavoro volontario in bambine e bambini da 0 a 6 anni e adolescenti; facilitando e sostenendo i processi di investigazione educativa ed esplorativa di innovazione di grande incoraggiamento mediante un approccio preventivo alle numerose sfide del secolo XXI ed oltre, intraprendendo iniziative per lo sviluppo di una più grande corresponsabilità ambientale planetaria nel campo dell’economia cooperativa e dello studio approfondito su coefficienti di misura e sviluppo locale.

In tal modo le «cooperative ecologiche» e le loro «ecostrutture» sono chiamate a partecipare e valutare la progettazione e l’evoluzione delle politiche ambientali e dei vari programmi delle Nazioni Unite (Pnuma, Habitat, Funuap, Acnur, Fao, Unesco, Pnud ecc.).

In conclusione, le «cooperative ecologiche», si presentano oggi come un’alternativa valida per mitigare la crisi finanziaria e morale nel mondo attuale in modo sostenuto e, in futuro, insieme ai «Gruppi principali» per lo sviluppo dei principi e dei valori universali del cooperativismo, mediante il progetto di iniziative congiunte che cooperano alla stabilizzazione definitiva di una «giustizia ambientale» e del conseguimento dei «diritti umani» per tutti in modo equo, nell’ottica dell’esecuzione del Programma 21 (valore morale), del «Global Compact» (www.melbourne.org.au/186.0.html e www.citiesprogramme.org/index.php/about/) e della Raccomandazione R193 sulla «Promozione delle Cooperative, 2002 dell’Organizzazione internazionale del lavoro» (Oil).