Vivere con loro migliora la vita

270
La foto, tratta da un video, illustra il fenomeno della mimica rapida. Un istante dopo che il primo cane apre la bocca (open mouth) il secondo cane inizia a fare lo stesso. Nel giro di un secondo la risposta è completa.

Gli animali aiutano soprattutto nella riabilitazione di chi ha subito traumi a seguito di incidenti e nel recupero della socialità di pazienti psichiatrici. Inoltre contribuiscono a fare uscire dall’isolamento gli anziani e, soprattutto, sembrano essere di grande aiuto ai bambini «difficili»

Com’è noto ormai da molti anni, la relazione uomo-animale ha la capacità di stimolare in molti soggetti l’attività cognitiva, affettiva e comunicativa. Gli animali instaurano con l’uomo, ed in particolar modo con i bambini, comunicazioni spontanee di tipo emotivo-affettivo e questo scambio positivo di sensazioni sicuramente migliora la qualità della vita di ognuno di noi. Ma non è tutto.
Gli animali, infatti, aiutano soprattutto nella riabilitazione di chi ha subito traumi a seguito di incidenti e nel recupero della socialità di pazienti psichiatrici. Inoltre contribuiscono a fare uscire dall’isolamento gli anziani e, soprattutto, sembrano essere di grande aiuto ai bambini «difficili», riuscendo laddove altre comuni terapie falliscono. Ad esempio, è dimostrato che bambini con problemi di apprendimento, attraverso la vicinanza di un animale, acquistino mano a mano una maggiore autostima e fiducia in sé stessi, seguite da un maggior controllo dell’iperattività, migliorando di conseguenza anche le proprie capacità espressive.
Tutti gli animali possono aiutare i disabili, in misura diversa, però, a seconda della loro «specializzazione»! Forse i cani sono gli animali che più frequentemente si ritrovano nella vita di una persona disabile: sono compagni di non vedenti e non udenti, ma, date le loro notevoli capacità di induzione e stimolazione al gioco, possono portare un po’ di serenità anche nella vita di persone affette da patologie croniche o depressive. Il cavallo, invece, soprattutto grazie alla sua mole, aiuta nel recupero delle disabilità motorie, ma molto spesso è anche in grado di creare un rapporto profondo col suo padrone, facendo nascere nuove motivazioni in soggetti particolarmente difficili. Stessa cosa dicasi anche per i delfini, mammiferi vivaci e giocosi, che, oltre a sostenere nella riabilitazione fisica, riescono a comunicare anche con le persone affette dai più alti deficit intellettivi. Pesci, roditori ed uccellini tendono a portare, più in generale, tranquillità e divertimento nell’ambiente in cui vengono collocati. Buona norma sarebbe porli nelle scuole e negli ospizi, in modo da rallegrarne l’atmosfera.

Due parole in più forse vanno spese per i gatti, gli animali domestici che più di tutti hanno mantenuto le loro origini selvatiche. Questi piccoli cacciatori, erroneamente giudicati pigri, indolenti, egoisti e per nulla legati al padrone, sanno invece affezionarsi all’uomo e, una volta instauratosi il legame, non lo dimenticano più. È sbagliato credere che un gatto abbandonato non soffra quanto un cane senza il suo padrone, perché, sebbene i gatti siano animali indipendenti e fieri, ci considerano come loro mamme, motivo per cui hanno una spiccata capacità di affezionarsi alle persone che dedicano loro molto tempo. Risultano adatti quindi a coloro che devono trascorrere molte ore in casa, come anziani e disabili, o a coloro che per motivi di spazio non possono tenere animali più grossi.

Non avendo una mole sufficientemente grande e non prestandosi a ricevere dei comandi, certamente non sono animali utilizzati per la riabilitazione motoria dei disabili, tuttavia sono ugualmente in grado di instaurare dei rapporti importanti con i loro padroni. Le vibrazioni sonore delle loro fusa e la consistenza del pelo sono spesso graditi ai bambini non vedenti e la vicinanza di un gatto riesce ad attenuare i loro stati d’ansia. Forse sanno aiutare l’uomo inconsapevolmente, soprattutto mediante il loro corpo e la loro fisicità, ma i risultati che si ottengono sono sorprendenti.
Il gatto regala momenti di incredibile bellezza: dal gioco dei gattini all’amorevole dedizione delle mamme gatte, dal morbido e flessuoso incedere dell’andatura allo sguardo enigmatico e magnetico. Si potrebbero trascorrere delle ore a guardare i gatti, senza smettere mai di ringraziarli per aver arricchito la nostra vita del prezioso regalo della loro presenza.