La «cultura» delle contrapposizioni

68

Con questa premessa non mi propongo di girare al largo per tenermi un po' lontano dagli argomenti ambigui dell'«egoismo» e della «solidarietà» e per non rischiare di insabbiarmi nella fissità retorica di questi temi che, come tutti quelli associabili alle categorie del bene e del male, contengono, già nei loro titoli, le insidie di domande […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.