Arrivano le Streghe

85
teatro spettacolo

Sul palco andrà in scena la donna-strega che su melodie musicali si abbandonerà al mondo della Natura. Le danzatrici si trasformeranno in streghe della contemporaneità e faranno rivivere gli arcani segreti della Natura richiamando antichi rituali, celebrando l’intimo legame tra corpo e terra, tempo e spazio

Grande attesa per lo spettacolo «Streghe» di questa sera al teatro Traetta di Bitonto (Bari). A partire dalle 21 Teresa Satalino con la VenusOrchestra e Elisa Barucchieri con la compagnia ResExtensa, debutteranno in un concerto danzato. Una particolare e originale combinazione di suoni acustici ed elettronici, di timbri antichi e moderne dissonanze. I linguaggi si contaminano, i generi si intrecciano e il sapere arcaico si flette tra il classico e il contemporaneo.

Sul palco andrà in scena la donna-strega che su melodie musicali si abbandonerà al mondo della Natura. Le danzatrici si trasformeranno in streghe della contemporaneità e faranno rivivere gli arcani segreti della Natura richiamando antichi rituali, celebrando l’intimo legame tra corpo e terra, tempo e spazio.

Uno spettacolo tutto in rosa in cui le donne compiono un vero excursus ripercorrendo i cicli della Natura. Si partirà dal solstizio d’inverno, il giorno più buio dell’anno in cui le ore d’oscurità superano quelle di luce. Si attraverserà la candelora, l’inizio del risveglio della natura dopo il sonno invernale, e l’equinozio di primavera che celebra il ritorno della fertilità della terra. Sarà poi la volta del calendimaggio, la festa di propiziazione della prosperità e della crescita, e poi del solstizio d’estate, giorno di massima potenza del sole. Si attraverserà ancora la festa del raccolto dedicata al primo raccolto dell’anno, in particolare a quello del grano. Poi sarà la volta dell’equinozio d’autunno con cui ci si avvia alla conclusione del ciclo annuale e si valuta il rapporto tra ciò che è stato seminato ed il raccolto e infine halloween con la natura che si spoglia e si addormenta in un sonno rigeneratore che preparerà ad affrontare la nuova vita e il nuovo ciclo.

Uno spettacolo che è dunque un percorso di scoperta, un richiamo ancestrale condotto e gestito dalle donne, streghe e maestre, attraverso la magia del gesto e il mistero del suono.