Cinemambiente cambia stagione

128
film festival cine

Tornano ad accendersi i riflettori su Cinemambiente, il più importante festival cinematografico italiano dedicato alle tematiche ambientali, in programma a Torino dal 1° al 6 giugno

Cambia stagione Cinemambiente. Dal classico appuntamento autunnale, il festival guidato da Gaetano Capizzi ed organizzato in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema si sposta a giugno. La scelta di anticipare l’appuntamento più atteso dell’anno per gli amanti del cinema e della natura non è casuale. Il 5 giugno, infatti, si terrà la Giornata Internazionale dell’Ambiente, promossa dall’Unep, il programma ambientale dell’Onu.

I luoghi di proiezione principali restano anche per quest’anno il Cinema Massimo di Torino e il cortile del Museo Regionale di Scienze Naturali per le proiezioni sotto le stelle. Ma tutta la città sabauda sarà coinvolta dall’uragano Cinemambiente con manifestazioni di ogni genere, dal raduno nazionale dei Guerrilla Gardening al primo Bike Pride italiano, dal Park(ing) Day al tram botanico e ai giardini mobili. Mostre, concerti, reading letterari e molte altre iniziative tutte collegate dal filo rosso – anzi, verde – del rispetto per l’ambiente faranno da scenografia ai protagonisti del festival, i film.

Tantissime le opere in concorso per questa 13ma edizione, tra lunghi, documentari e corti nazionali e internazionali già vincitori di prestigiosissimi festival come il Sundance o che hanno calcato il tappeto rosso nelle serate degli Oscar. Assolutamente da non perdere le proiezioni di «No Impact Man», il documentario che racconta come la famiglia Beavan viva a impatto zero, e «The Cove», film sulla strage dei delfini. Tra i film italiani in rassegna c’è «Lo specchio» di David Christensen, che racconta la storia del comune di Viganella, in Piemonte, il cui sindaco ha fatto montare sul monte un enorme specchio per avere più luce solare anche durante l’inverno. Nella sezione Panorama, invece, ci saranno focus e approfondimenti sulla biodiversità, il verde urbano e percorsi tematici su energia, terremoto in Abruzzo, inquinamento, consumo del suolo, privatizzazione dell’acqua.

Una sei giorni in cui Torino sarà tutta da vivere, tra eventi e manifestazioni dedicate alla scoperta di soluzioni e stili di vita ecocompatibili.