Aspettando un cambiamento

91

A volte vorremmo, forse, se non proprio cambiare il mondo, almeno sentirci liberi da un senso diffuso di passività subita (che impoverisce le nostre iniziative) e dalla corrente di quelle cose che avvengono (o che vengono fatte avvenire) e che sentiamo, però, di non voler seguire. Vorremmo, come ci fa immaginare Lucrezio, in più momenti […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.