Clima foreste e acqua al Consiglio ambiente Ue

246

Durante l’incontro avvenuto a Lussemburgo l’11 giugno, i Ministri dell’Ambiente europei hanno affrontato, tra i numerosi punti in agenda, il tema dei cambiamenti climatici nel contesto di diversi settori d’interesse.

I cambiamenti climatici e la riduzione delle emissioni

Innanzitutto, il Consiglio ha esaminato la recente comunicazione della Commissione europea che lo scorso 26 maggio ha presentato uno studiosulla possibilità di rafforzare l’impegno unilaterale di riduzione delle emissioni di gas serra dell’Ue, portando dal 20% attuale al 30% l’obiettivo dei tagli da raggiungere entro il 2020, rispetto ai livelli del 1990 («Analysis of options to move beyond 20% greenhouse gas emission reductions and assessing the risk of carbon leakage»).

I Ministri concordano nel voler discutere in maggiore dettaglio le questioni delineate dalla Commissione, accogliendo con favore ulteriori analisi sulle opzioni, i costi e i beneficidi tale passo, anche, eventualmente, da svolgersi a livello nazionale.

La scarsità d’acqua, la siccità e l’adattamento ai cambiamenti climatici

In secondo luogo, è stata ribadita la gravità dello stato attuale delle risorse idriche e delle previsioni attese per questo settore, specialmente nelle zone dell’Europa del Sud, in relazione ai cambiamenti del clima.

Di conseguenza, il Consiglio sollecitagli Stati membri che soffrano di condizioni di scarsità d’acqua o di situazioni di siccità, che includono anche i processi di desertificazione, ad elaborare adeguati piani di gestione specifici, in maniera coordinata e integrata con la pianificazione generale delle risorse idriche definita dalla normativa europea, e a promuovere un uso più efficiente e sostenibile dell’acqua in agricoltura. Inoltre, i Ministri prevedono che saranno necessarie consultazioni con gli Stati membri in vista di unafutura strategia europea per l’acqua («Blue-print for Europe’s Water») che la Commissione è tenuta a presentare nel 2012.

La protezione delle foreste e l’informazione

In terzo luogo, il Consiglio ha favorevolmente accolto la presentazione del Libro Verde della Commissione sulle foreste e i cambiamenti climatici in Europa, pubblicato lo scorso marzo («Green Paper On Forest Protection and Information in the EU: Preparing forests for climate change»), che propone l’aggiornamento della Strategia Europea per la Silvicoltura (EU Forestry Strategy) e l’avvio di un dibattito sulle possibili opzioni relative alla protezione delle aree boschive e all’informazione sulle foreste.

In particolare, i Ministri invitano la Commissione a compilare, prima della fine dell’anno, un rapporto sugli sviluppi del processolanciato dal Libro Verde, che includa la considerazione di possibili ulteriori misure sulle foreste. Infine, il Consiglio richiede il rafforzamento della cooperazione e del coordinamento, a livello europeo ed internazionale,della gestione sostenibile dei boschi.

Conclusioni del Consiglio Ambiente

(Fonte Ipcc Focal Point Italia)