I giovani e la crisi, uno scandalo inaccettabile della modernità

232

Oggi non c'è lo scontro epocale fra capitale e lavoro dei secoli passati, ma si è prodotto una suddivisione del lavoro che ha creato un sistema di ingiustizie a danno, come è fatale, dei più deboli e qui i giovani sono presenti in gran numero. I dati presentati nell'ultimo rapporto Istat (rapporto 2011) non pongono […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.