Sulle radici dei contrasti morali e delle «superiorità»… «umane» più o meno ariane

272
La natura percepita Anno XV - N. 58 - Giugno 2012 foto di Pina Catino

Solo ora gli uomini cominciano ad accorgersi che la musica è il linguaggio degli affetti: e più tardi impareremo che il sistema istintuale di un musicista è chiaramente riconoscibile dalla sua musica. In verità egli non intendeva tradirsi con essa. Qui sta l'innocenza delle confessioni a differenza di tutte le opere scritte. Ma questa innocenza […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.