Nel futuro energetico Usa più rinnovabili

652

Il consumo totale primario energetico crescerà del 7 % nel 2035. Inoltre, il consumo energetico di parte del combustibile fossile diminuirà dall’82% del 2011 al 78% del 2040, una caduta attribuita agli standard di efficienza dei nuovi combustibili per veicoli con funzioni leggere. Inoltre secondo il report l’uso dei combustibili rinnovabili crescerà molto più dell’utilizzo dei combustibili fossili

Il Rapporto dell’Energy Information Administration (Eia) è una versione abbreviata dell’annuale Energy Outlook che valuta una vasta gamma di tendenze e questioni che hanno maggiori implicazioni sul mercato energetico degli Stati Uniti. Questo rapporto presenta il caso di riferimento AEO2013 e lo compara al caso di riferimento AEO2012 pubblicato nel giugno 2012. Secondo l’Aie, tale caso di riferimento include previsioni per il mercato d’energia negli Stati Uniti nel 2040 e prende in considerazione solo le politiche che sono state decretate attraverso leggi e norme finali.
A causa di alcune incertezze relative ad ogni previsione per il mercato energetico, i risultati di questo rapporto non devono essere visti isolati ma devono essere integrati a quelli della pubblicazione completa.
Complessivamente, il caso di riferimento predice che il consumo totale primario energetico crescerà del 7 % nel 2035. Inoltre, il consumo energetico di parte del combustibile fossile diminuirà dall’82% del 2011 al 78% del 2040, una caduta attribuita agli standard di efficienza dei nuovi combustibili per veicoli con funzioni leggere. Inoltre secondo il report l’uso dei combustibili rinnovabili crescerà molto più dell’utilizzo dei combustibili fossili.
Un Rapporto precedente dell’Aie afferma, infatti, che i carboni fossili rimarranno predominanti come energia globale e i gas rinnovabili diventeranno la seconda risorsa più importante a livello mondiale nella produzione di energia entro il 2015.
Il rapporto annuale Energy Outlook 2013 completo, programmato per i primi del 2013, includerà progetti estesi che prenderanno in considerazione diverse presupposizioni sul prezzo del petrolio, sul tasso di crescita economica e sulle caratteristiche delle nuove tecnologie e includerà anche i progetti regionali.