In E. Romagna più tutela per cetacei in cattività

533

Defranceschi (M5S): «approvata a maggioranza la nostra risoluzione»

«Siamo contenti: l’Aula ha recepito a maggioranza l’atto che avevamo presentato un mese fa sulla tutela dei cetacei in cattività. Siamo contrari allo sfruttamento degli animali per fini commerciali», così si è espresso Andrea Defranceschi, Capogruppo del Movimento 5 Stelle Emilia-Romagna, appena terminato il voto che ha approvato la risoluzione. E ricorda che il Movimento già fu promotore «di una campagna contro l’uso degli animali esotici nei circhi nomadi, perché finiscono per vivere in condizioni indecenti e soffrire disturbi fisici e psichici. Lo stesso avviene nei delfinari – spiega Defranceschi – come Oltremare di Riccione, di recente teatro di spiacevoli episodi legati alla salute mammiferi marini nelle sue vasche (con un’indagine della Procura di Rimini in corso), e come il delfinario di Rimini, piccolissimo e antiquato».

A Gardaland – ricorda il capogruppo M5S – la nuova proprietà inglese ha deciso di chiudere il delfinario in quanto la cattività dei delfini non è in linea con la “morale” dell’azienda. Da noi forse qualcuno si è posto il problema dell’etica? Non pare! Nella nostra risoluzione invitiamo la Giunta a stabilire criteri di natura scientifica per valutare e misurare la quantità e la qualità delle attività educative e di ricerca svolte all’interno dei delfinari, come definite dal DM 496/2001 in quanto – dice Defranceschi, veterinario – questa è di solito la “scusa” per continuare a farli esibire negli spettacoli e poi rinchiuderli in piccolissime vasche; desideriamo anche che ci si attivi affinché vengano proibite, all’interno dei delfinari, tutte le attività in cui viene lesa la dignità degli animali coinvolti, per esempio con comportamenti e atteggiamenti non riscontrabili in natura; che vengano incentivati i controlli degli organi preposti, sia nel numero che nella qualità degli stessi, affinché sia verificato il rispetto di tutti i criteri stabiliti dal DM 496/2001 e le normative nazionali relative al benessere animale».