Felicità per la scienza lugubre

256

Da qualche decennio, l'economia politica vuole investire sempre più i fini (i piaceri nella vita) oltre che i mezzi (gli scambi), a rischio di mutare la propria natura come disciplina. In questo allargamento di orizzonte non c'è da temere un imperialismo della logica dell'homo oeconomicus? Questa logica economica, prima limitata alla dimensione del comprare-vendere, oggi […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.